Non sei ancora Iscritto? AAROI-EMAC riunisce oltre 11.000 Medici Professionisti Iscritti!

Home Dalle Regioni 2020 In Emilia-Romagna prima i provvedimenti, poi le convocazioni fittizie

In Emilia-Romagna prima i provvedimenti, poi le convocazioni fittizie

L’Intersindacale Emilia-Romagna risponde all’Assessore Regionale alla Salute, Raffaele Donini, sul provvedimento relativo al blocco delle assunzioni e sull’annuncio tramite comunicato stampa di voler coinvolgere le OO.SS.. Invito che tuttavia non è mai arrivato.
Di seguito il Comunicato Stampa congiunto:

Un’altra occasione persa dall’assessore Donini per un sano confronto con le OOSS della dirigenza medica e sanitaria che non incontra, nonostante le nostre richieste e solleciti sui tanti argomenti che vorremmo e dovremmo affrontare. Incassata la vittoria che gli ha consentito di ottenere una modifica della legge regionale grazie alla quale aumenteranno le posizioni apicali all’interno delle Direzioni Generali, si può comunicare che i soldi per assumere sono finiti.

Così come non ci sono mai stati, o così ci è stato detto, i soldi per applicare una legge nazionale, vecchia di più di un paio d’anni che prevede, giustamente, che ogni assunzione nuova sia finanziata e non avvenga a spese di chi sta lavorando. Oggi ci viene chiesto di dividere la stessa torta tra più commensali. Non sempre aggiungere un posto a tavola fa bene ai commensali.

Per quanto concerne l’argomento blocco delle assunzioni, prima si prendono i provvedimenti e poi si fanno le convocazioni dei sindacati, per altro fittizie in quanto, a meno di un errore del Resto del Carlino del 6 dicembre u.s., nessuna convocazione è giunta al nostro indirizzo. E siamo al 10 di dicembre.

L’arresto delle assunzioni è sancito nero su bianco in un documento inviato dalla sua Direzione Generale a tutte le aziende e formalizza quanto si andava vociferando ormai da più di un mese.
Non imputiamo alla Regione la situazione economica gravosa che si è venuta a creare a causa del COVID, ma proprio per questo perché non parlarne per tempo con chi pagherà le conseguenze di questa decisione?
Professionisti e cittadini.

E perché annunciare mezzo stampa un incontro tardivo e mai convocato?
O ancora una volta i sindacati ai quali si riferisce sono quelli di altre categorie?
Restiamo in attesa. Noi come sempre ci siamo.

Firmato
Ester Pasetti per ANAAO ASSOMED
Matteo Nicolini per AAROI EMAC
Massimo Laus per ANPO
Salvatore Lumia per CIMO
Alberto Zaccaroni per FESMED
Luca Turrini per FVM

> POTREBBERO INTERESSARTI

SERVIZI RISERVATI AGLI ISCRITTI

Seguici su

FacebookMi piace
FlickrSegui
TwitterSegui
YoutubeIscriviti