Non sei ancora Iscritto? In AAROI-EMAC oltre 11.000 Medici Professionisti!

Home Dalle Regioni 2020 Perché nelle Marche le terapie intensive sono al collasso

Perché nelle Marche le terapie intensive sono al collasso

Le dichiarazioni del Dr Marco Chiarello, Presidente AAROI-EMAC Marche, intervistato da FanPage.it per fare il punto della situazione in regione.

Chi aveva la responsabilità di prendere decisioni e imporre restrizioni per limitare la diffusione del virus ha temporeggiato troppo a lungo soprattutto a livello nazionale: non è stato evidentemente compreso il messaggio che ci stava arrivando dal Regno Unito, dove la più alta capacità di contagio della variante B.1.1.7 ha portato all’inizio di gennaio a un picco di quasi 70mila casi. In Italia siamo stati a guardare e a lungo non abbiamo chiuso nulla. Ora ne paghiamo le conseguenze e nelle Marche la situazione è particolarmente grave“.

A Pesaro ci sono 40 ricoverati in terapia intensiva, altri 40 al Torrette di Ancona, poi 16 a Jesi, 14 a Fermo, 14 a San Benedetto del Tronto e 28 al Covid Center di Civitanova Marche. A metà febbraio superavamo già il 30% di occupazione delle terapie intensive ed avevamo 78/80 pazienti intubati, poi siamo passati a 98, 111 e arrivati a 157, con il tasso di occupazione dei reparti di terapie intensiva più alto d’Italia. Per fortuna stiamo tenendo perché negli ultimi nove mesi è stata aumentata la disponibilità dei posti letto”.

Leggi l’intervista integrale

> POTREBBERO INTERESSARTI

SERVIZI RISERVATI AGLI ISCRITTI

Seguici su

FacebookMi piace
FlickrSegui
TwitterSegui
YoutubeIscriviti