Non sei ancora Iscritto? In AAROI-EMAC oltre 11.000 Medici Professionisti!

Home Altre Notizie 2020 Il vaccino fa la differenza, l'intervista di OHGA.IT

Il vaccino fa la differenza, l’intervista di OHGA.IT

Nell’intervista di OGHA.IT il Presidente Nazionale AAROI-EMAC, Alessandro Vergallo, ha sottolineato che nei reparti di TI solo il 10-15% dei ricoverati è vaccinato e che perlopiù si tratta di persone fragili con più patologie o con un sistema immunitario compromesso. Ha spiegato poi che per fronteggiare la situazione sarebbe bene introdurre l’obbligatorietà vaccinale almeno in tutti gli ambiti di lavoro e di contatto sociale extralavorativo.

Presidente Vergallo, proviamo a fare un resoconto dell’efficacia del vaccino. Oggi che siamo praticamente a ridosso della protezione dell’80% della popolazione over12, qual è la fascia di cittadini che finisce in terapia intensiva?
I pazienti ricoverati nelle Terapie Intensive sono oggi per l’85-90% persone non vaccinate o che per qualche motivo non hanno completato il ciclo vaccinale. Il numero dei ricoverati in Terapia Intensiva è relativamente basso, con la tendenza in questi ultimi giorni ad un leggero calo. I vaccini hanno quindi avuto ed hanno efficacia sia sulla riduzione della circolazione virale, sia sull’incidenza della malattia Covid grave.

È possibile invece fare una stima di quanti pazienti vaccinati entrano in questi reparti?
La nostra stima è oggi di circa 10-15% di vaccinati, perlopiù persone fragili con più patologie o con un sistema immunitario compromesso. È una casistica che nelle ultime settimane si è innalzata lievemente soprattutto per il cosiddetto “effetto paradosso” spiegabile con la progressiva diffusione delle vaccinazioni. L’efficacia del vaccino tenderà però a calare nel tempo e perciò sarà importante il richiamo vaccinale da iniziarsi al massimo – sulla base dei dati finora disponibili – entro 12 mesi dal completamento del primo ciclo, con priorità per le persone più a rischio e subito dopo per i professionisti sanitari, che sono stati vaccinati per primi ad iniziare da gennaio di quest’anno.

Leggi l’intervista

> POTREBBERO INTERESSARTI

SERVIZI RISERVATI AGLI ISCRITTI

Seguici su

FacebookMi piace
FlickrSegui
TwitterSegui
YoutubeIscriviti