Non sei ancora Iscritto? In AAROI-EMAC oltre 11.000 Medici Professionisti!

Home Altre Notizie 2020 La moneta per le Professioni Sanitarie presentata da un Medico AR

La moneta per le Professioni Sanitarie presentata da un Medico AR

La Dr.ssa Luisa Marchioni, Medico Anestesista Rianimatore, Responsabile della Terapia Intensiva dell’Istituto Spallanzani di Roma – in occasione della presentazione, avvenuta ieri 21 Gennaio 2021, per una pregevole iniziativa del MEF e dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato della “moneta dedicata alle professioni sanitarie, dal valore di 2 euro, a testimonianza del riconoscimento della collettività nel periodo dell’emergenza” – ha simbolicamente rappresentato il personale sanitario in prima linea in Italia contro il COVID-19. Siamo lieti che la Direzione del prestigioso Istituto abbia conferito tale rappresentanza ad una Professionista la cui appartenenza alla nostra categoria specialistica fa onore a tutti coloro che più di tutti hanno affrontato e stanno continuando ad affrontare la Pandemia Covid nelle sue manifestazioni cliniche più gravi. È un riconoscimento prestigioso per la nostra opera e funzione insostituibile, come Luisa ha ben detto durante la presentazione, avendo la moneta corso legale in tutta Europa.
Nel video – dal minuto 9.38 -, la testimonianza dell’esperienza vissuta a partire dalla fine di gennaio.
IL VIDEO: https://www.facebook.com/watch/live/?v=2525129841124517

La pandemia è andata al di là di ogni possibile previsione, soltanto il coraggio, l’abnegazione e il lavoro continuo degli operatori sanitari ci permette di lavorare e di affrontare continuamente in prima linea questa pandemia”. La Dottoressa ha poi sottolineato due aspetti particolari: il forte sostegno e la solidarietà tra colleghi e la riscoperta dell’umanità. “Il virus è un virus inumano, isola le persone colpite…siamo gli unici ad avere il  contatto umano, vestiti quasi da marziani e siamo solo noi a colloquiare con loro a dare una carezza, a dare conforto”. Così come accade nel contatto telefonico quotidiano con i parenti, “è inevitabile sentire nella loro voce la paura per questa malattia, l’angoscia per non essere vicini ai propri cari e anche la paura di non rivederli.
Questo virus ha isolato anche noi sanitari perché, specie nei primi mesi, oltre alla stanchezza dopo un turno massacrante in prima linea, ci siamo portati anche la preoccupazione per i nostri cari e alcuni di noi hanno deciso di isolarsi completamente per non contagiare la propria famiglia“.

La nostra Collega ha poi spiegato che “la cosa più bella è ridare alla persona la famiglia“, sottolineando la gioia provata “quando si riesce a dimettere, a trasferire un paziente – specie dalla rianimazione – guarito“.

Al momento – ha concluso la Dr.ssa Marchioni – prevale la stanchezza perché sono tanti mesi che stiamo in prima linea però con uno spiraglio di luce dato dal vaccino e dalle altre terapie che ci permetteranno di affrontare con uno spirito diverso questa pandemia e sconfiggerla il prima possibile. L’idea di coniare una moneta in omaggio a noi personale sanitario, infermieri, medici e tutti che lottiamo contro la pandemia, è veramente un riconoscimento importante, bellissimo e sono orgogliosa di appartenere a questo gruppo di donne e uomini che in silenzio e con onore svolgono il proprio lavoro”.

> POTREBBERO INTERESSARTI

SERVIZI RISERVATI AGLI ISCRITTI

Seguici su

FacebookMi piace
FlickrSegui
TwitterSegui
YoutubeIscriviti